Oggi ignoriamo le tendenze e i modi per rompere le regole per concentrarci su come alcuni “principi” possono essere linee guida fondamentali e sempre validi per la creazione di un testo per web ben strutturato.

Analizziamo gli aspetti di maggior impatto per gli utenti!

1. Dimensioni del carattere e gerarchia

Le dimensioni contano! Il formato dei caratteri che andremo ad utilizzare può essere uno dei fattori più importanti quando si crea un sito!

E quindi, così come un testo piccolo può essere difficile da leggere, al contrario, un testo “oversize” può rompere lo schema e creare confusione.

Un buon layout, dove per buono intendo innanzitutto leggibile e soprattutto che faciliti il percorso di navigazione, ha diversi livelli di gerarchia proprio per indicare agli utenti cosa leggere prima, dopo e così via, in modo che il corpo del testo abbia una dimensione, i titoli un’altra ancora, così come i sottotitoli hanno anch’essi le proprie specifiche.

 

2. Tracking e Kerning

Vengono spesso confusi: il “Kerningè la regolazione dello spazio tra una coppia di lettere. È spesso applicato a singoli elementi per creare precisione e migliorare la leggibilità e lo stile per il testo di grandi dimensioni.

Il “Trackingè la regolazione dello spazio tra un insieme completo di caratteri, ad esempio un paragrafo o una regolazione globale di un blocco di testo.

3. Minimalismo

Recentemente si è assistito ad un ritorno dello stile vintage degli anni ‘80 e ‘90 in diversi ambiti: dall’arredamento, agli accessori al design. A tal proposito, anche il visual design sta assistendo ad un restyling retrodatato ma di grande autenticità. Questo tema rappresenterà la forza trainante delle ultime tendenze emergenti in fatto di design: lo stile minimal.

Nel corso degli anni passati questo stile “essenziale”, contraddistinto dall’uso di una tavolozza caratterizzata da colori neutri come il nero, il grigio e il bianco, è stato abbandonato ma, il minimal, è uno dei trend chiave per quanto riguarda il visual design per il 2017…come dire…è ritornato di moda!

Molti designer stanno massimizzando il minimalismo con website estremamente semplici, costruiti con palettes neutre e prive di distrazioni. Un approccio del genere è privo di sovrastrutture, poiché alla base c’è la semplicità:

  • Linee semplici e pulite;
  • Colori neutri al posto di toni vibranti;
  • Più immagini rispetto alla quantità di testo nelle pagine.

 

4. Dai una misura all’importanza

La misura è la dimensione del contenitore che contiene il testo. Può essere la larghezza di un intero frame di testo o di una singola colonna in un formato a più colonne.
Il numero di caratteri (inclusi spazi, lettere e punteggiatura) sullo schermo influisce sulla leggibilità.

La teoria che c’è dietro questo concetto è che se le righe sono troppo lunghe o troppo brevi, il testo risulta faticoso da leggere per l’occhio dell’utente a causa di un movimento costante avanti e indietro da una riga alla successiva.

Quindi vale sempre la regola secondo la quale, qualsiasi testo da 45 a 75 caratteri è ampiamente considerato come una lunghezza soddisfacente della linea per una pagina a colonna singola. La linea a 66 caratteri (contando lettere e spazi) è l’ideale.
Per un testo a più colonne, la media migliore va dai 40 ai 50 caratteri.

 

Conclusioni

Ti sei mai chiesto perché curare i dettagli è importante in un progetto creativo?

Se la navigazione non è user-friendly e quindi non è facile gestirla, si creeranno elevati tassi di rimbalzo o poche pagine visualizzate.
L’imperativo è: progettare interfacce user-experience design, visivamente attraenti ma non eccessivamente elaborate e quindi: creare un layout che faciliti la navigazione anche attraverso l’uso di titoli e sottotitoli senza mai tralasciare i contenuti che devono essere adatti e rilevanti per il tuo pubblico, design minimalista, font intrigante ma leggibile; l’ultima novità sono i Google Font, molto versatili, si inseriscono molto bene in ogni blog o website che si voglia costruire.